jeziki 02jeziki 05jeziki 06jeziki 07jeziki 08

Descrizione delle attività

La creazione del parco a Cristoglie (Hrastovlje)

A Cristoglie sarà sistemata un’arnia, è già in corso la sistemazione del recinto e del circondario. L’associazione degli apicoltori di Capodistria a breve insedierà le prime famiglie di api. I primi laboratori educativi cominceranno nell’estate del 2013.
Abbiamo cominciato la sistemazione del centro informativo a Cristoglie che dovrebbe concludersi entro il Giungo 2013. È già stato stabilito l’esecutore che completerà il concetto progettuale per il ’’Parco delle razze autoctone Cristoglie’’ ("Park avtohtonih živali Hrastovlje") – l’aggiornamento della documentazione esistente (schema della sistemazione dei programmi) e la elaborazione di soluzioni progettuali per il punto panoramico, osservatorio per uccelli e tettoie ovvero asili per gli animali.  Prima di questo bisogna elaborare un piano geodetico e piantare nuovamente i paletti di delimitazione, entrambe le cose già ordinate.  
In base alla documentazione progettuale e alle soluzioni ideate per gli edifici del Parco, cominceremo con la successiva sistemazione (pascolo, muro a secco, osservatori, asilo per animali da pascolo). L’esecuzione è prevista per la fine di aprile o maggio.

  • Ureditev-parka-v-hrastovljah-01
  • Ureditev-parka-v-hrastovljah-02

 

Piantumazione e presentazione delle specie autoctone in diverse aree del comune di San Dorligo della Valle

L’obiettivo è continuare lo sviluppo e la preservazione della coltivazione di ulivi nell’area del comune di San Dorligo. San Dorligo della Valle ha una tradizione secolare della coltivazione dell’ulivo. A causa della gelata degli anni ’20, del secolo passato, la coltivazione dell’ulivo nei decenni a seguire è stata tralasciata e trascurata. L’ulivo è una delle specie autoctone dell’area di San Dorligo (come anche dell’Istria slovena) che già da tempi è un fattore importante per la gente del luogo. La produzione dell’olio d’oliva è da sempre una delle più importanti attività commerciali.
La rinascita di quest’attività iniziò negli anni ’90 del diciannovesimo secolo, quando le superfici degli uliveti crebbero significativamente, anche grazie all’aiuto del comune di San Dorligo della Valle che incoraggiava i proprietari dei terreni privati offrendo semenzali gratuiti, distribuiti secondo la grandezza del terreno in possesso.
La maggior parte dei coltivatori produce olio per esigenze proprie. Prevale la specie autoctona dell’Istria Belica, seguita dalla specie italiana Leccino, sono presenti in minor parte anche: Pendolino, Maurino, Frantoio, Leccione, Črnica, Buga, Lecco di corno, Arbequina… La conservazione dell’ulivo in barattolo è destinata al consumo personale.  Le specie più presenti sono Storta, Ascolana e Santa Catarina. Gran parte della produzione rispetta l’ambiente, la maggioranza dei coltivatori segue le linee guida della produzione integrata, anche se non ne fanno parte formalmente. Cresce anche l’interesse e l’adesione alla produzione biologica.  
La coltivazione dell’ulivo è importante per la prevenzione della crescita eccessiva incolta e per la preservazione del paesaggio culturale. Nell’area sono presenti anche uliveti di tradizione centenaria ed è molto importante che questi nostri usi e costumi siano conservati, anche perché in parte ne dipende lo sviluppo del turismo.
L’obiettivo del comune di San Dorligo della Valle nell’ambito del progetto BioDiNet è di aggiornare le iniziative per la preservazione del patrimonio naturale e culturale (piantatura degli ulivi nei terreni) gia’ in corso. Questa sarà la volta delle aree pubbliche, soprattutto dei cortili e giardini delle scuole. L’intenzione è di risvegliare nei giovani il senso di appartenenza al loro territorio e il senso della presevazione del patrimonio naturale e culturale. Infine, l’obiettivo è unire le due parti del confine nell’ambito del territorio dell’Istria in un’unica unità omogenea.
La parte educativa del progetto prevede la programmazione di attività scolari e lezioni sulla pianta dell’ulivo, la sua coltivazione e la preservazione del patrimonio culturale e naturale. Saranno anche organizzate visite ai coltivatori locali e agli uliveti.

  • Zasaditev-avtohtonih-sort-01

noga-krava

 UP  logo-ZRS        logo-ministrstvo-italija

 

Projekt sofinanciran v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013 iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.

 

Progetto finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e daifondi nazionali.

 

 

Naše spletno mesto uporablja piškotke za boljše delovanje. Z nadaljnjo uporabo te spletne strani se strinjate z našo POLITIKO PIŠKOTOV

EU Cookie Directive Module Information